I sogni degli altri #12

“La osservavo dalla riva, l’eccitazione mi faceva sfregare forte i piedi sulla sabbia. Spingevo lo sguardo verso quel puntino lontano, strizzavo gli occhi per lo sforzo. Lei entrava e usciva dall’acqua, agilissima, come un pesce. Non era una sirena, ma riusciva a restare a lungo sott’acqua e a risalire senza alcuna fatica, più e più volte. Prima l’apnea e poi nell’aria, come un geyser”

I sogni degli altri #12
(testo di Francesca Boccaletto, illustrazione di Roberta Cadorin)

 

#12

Annunci